Azioni:
NAVIGA IL SITO
Visualizzazione dei risultati da 1 a 4 su 4
  1. #1
    Junior Member
    Registrato dal
    Nov 2012
    Messaggi
    2

    Predefinito Riforma condominiale: numero minimo di unità abitative

    Gentile Geometra,
    ho letto che nella nuova Riforma del 20 Novembre 2012 è previsto che il numero minimo di unità abitative passa da 5 a 8.
    Io abito in una porzione di villetta a schiera di 5 unità che ha, come unica parte in comune a tutti, il passo carraio per l'accesso ai garage.
    Siamo 5 unità e una sola di noi ha PRETESO l'amministratore di condominio nonostante gli altri 4 fossero contrari.
    Specifico che in comune abbiamo solo il cancello per l'accesso al passo carraio e i lampioncini del vialetto stesso..
    Purtroppo aveva la legge dalla sua parte e siamo stati tutti costretti a sostenere le spese per un amministratore che ha il solo compito di pagare la bolletta dei lampioncini...La persona in questione ha preteso anche la stesura delle tabelle millesimali, non fornite dal costruttore, in quanto di fatto non siamo un condominio.
    Le quote millesimali differiscono, appunto, di pochi millessimi, essendo le 5 unità praticamente identitiche.
    Ma la suddetta signora ha ottenuto così di farci pagare anche la stesura delle tabelle, sempre perchè la legge glielo consentiva..
    Ora mi chiedo: visto che la Legge ora parla di 8 unità e non più 5, possiamo noi, ora, destituire l'amministratore ( alla scadenza del mandato, si intende ) ed eliminare anche il codice fiscale del condominio, tornando alla situazione iniziale di villette a schiera, i cui uno solo pagava la bolletta dei lampioncini a sè intestata e gli altri 4 rimborsavano per un quinto dell'importo?
    La signora ad un certo punto aveva anche smesso di pagare la sua parte, finchè poi ha chiesto l'amministratore, e noi ci dividevamo la bolletta per 4, pur di non avere rogne con questa signora solo di nome ma non di fatto..
    Grazie mille per la consulenza.

  2. #2
    Senior Member L'avatar di oresteterracciano
    Registrato dal
    Sep 2011
    Messaggi
    591

    Predefinito

    Gentile lettrice, buon giorno, se è pur vero che l'obbligo di nominare l'amministratore è passato da condominio composto da 5 condomini a condomino composto da 9 condomini, è altrettanto vero che la RIFORMA DEL CONDOMINIO entra in vigore dopo un percorso più lungo.
    La riforma è stata approvata il giorno 20 novembre 2012, per cui il Capo dello Stato ha a disposizione 30 giorni per promulgarla, dopodichè deve essere pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, quindi, qui la novità, entrerà in VIGORE solo dopo 6 mesi dalla pubblicazione.
    Si presume che a fine giugno, inizi di luglio, sarà LEGGE a tuti gli effetti.
    Quindi suggerisco, onde evitare un contenzioso che non condurrebbe da nessuna parte, di rinviare qualunque decisione a dopo luglio.
    Tenga presente, però, che il codice fiscale rimane in essere, così le tabelle millesimali e che qualcuno di voi dovrà assumere l'incarico di responsabile, a meno che non vogliate essere tutti solidali sempre.
    Cordialmente
    Geom. Terracciano
    Ho un'esperienza quasi ventennale nell'amministrazione di condominio. Sono preparato sia nel ramo condominiale che in quello locatizio, senza escludere quello professionale sempre legato alla proprietà.

    Visita i miei blog: Vita di Condominio - Affittare Casa - Geometra Online

  3. #3
    Junior Member
    Registrato dal
    Nov 2012
    Messaggi
    2

    Predefinito

    Grazie per la celere risposta.
    Immaginavo che ci volessero almeno 6 mesi per l'entrata in vigore.
    Ma mi chiedo: se non ci sarà più l'obbligo per legge in quanto non saremo più considerati condominio, non sarà possibile chiedere all'ufficio delle entrate la cancellazione del codice fiscale, evitando cos' di presentare anche il modello 770? Non sarà sufficiente cambiare l'intestazione della bolletta dei lampioncini?

  4. #4
    Senior Member L'avatar di oresteterracciano
    Registrato dal
    Sep 2011
    Messaggi
    591

    Predefinito

    Gentilissima, non confondiamo l'obbligo della nomina dell'amministratore con altri obblighi del condominio.
    Il condominio rimane tale e non solo, ma come ora accade con i condominii composti da 4 condomini, è sempre Sostituto di Imposta, per cui non si può rigettare il codice fiscale, il quale non è solo uno strumento per volturare le utenze di acqua - luce e gas al condominio, ma è soprattutto lo strumento da utilizzare nel caso si dovessero deliberare interventi straordinari da appaltare a ditte esterne.
    Ritengo che la riforma del condominio abbia voluto agevolare tutti quei piccoli condominii amministrati COMUNQUE da un condomino interno, nulla di più.
    La normativa rimane eccome!!!
    Saluti cordiali
    Geom. Terracciano
    Ho un'esperienza quasi ventennale nell'amministrazione di condominio. Sono preparato sia nel ramo condominiale che in quello locatizio, senza escludere quello professionale sempre legato alla proprietà.

    Visita i miei blog: Vita di Condominio - Affittare Casa - Geometra Online